ENTE ACCREDITATO MIUR     AFFILIATO CNA
VERSIONE ACCESSIBILE
Home > News > Corso Quadriennale di Musicoterapia APMM
03-12-2017

Corso Quadriennale di Musicoterapia APMM

Verifica dei lavori alla metà del secondo anno

Il Corso Quadriennale di Musicoterapia APMM, è organizzato dalla F.I.M. nel rispetto della legge 4/2013 sulle nuove professioni e della Norma UNI 11592 sulle Artiterapie, pubblicata nell’agosto 2015, patrocinato dal Conservatorio “G. Donizetti” di Bergamo.
Il Corso di musicoterapia, iniziato nel luglio 2015, comprende n. 1200 ore di frequenza, 300 ore per ogni anno. In osservanza degli EQF (European Qualification Framework) è frequentato da professori con laurea triennale del Conservatorio di musica, selezionati con un esame di ammissione.
Diirettore del corso è la fondatrice della musicoterapia umanistica APMM, prof. Giulia Cremaschi Trovesi affiancata da docenti, soci F.I.M., da docenti esterni, anche provenienti dall’estero.
I soci F.I.M. che svolgono attività di docenza e di tutor sono certificati, ossia hanno sostenuto l’esame dall’ente incaricato da ACCREDIA (FAC certifica) secondo quanto previsto dalla legge 4/2013 e dalla Norma UNI 11592 sulle Artiterapie.
La trattazione dei contenuti teorici riguardanti la pedagogia musicale e la musicoterapia, si sviluppa attraverso lezione teoriche integrate con attività pratiche. Ogni aspetto teorico scaturisce dai vissuti, dalle esperienze, dallo studio, dalle osservazioni dei corsisti stessi.
I contenuti teorico/pratici del primo e del secondo anno riguardano:
• storia della pedagogia generale;
• conoscenza della pedagogia musicale;
• conoscenza e pratica dei principi dei grandi pedagogisti della musica;
• conoscenza e pratica dei principi della pedagogia umanistica APMM;
• conoscenza della fisica acustica attraverso attività di laboratorio;
• didattica musicale;
• musica e apprendimento DSA, BES;
• sensibilizzazione all’handicap (previsto dal MIUR nei programmi dei Conservatori di musica);
• pratica musicale pianistica richiesta anche agli strumentisti;
• pratica di improvvisazione pianistica, secondo i principi teorici APMM, richiesta a tutti i corsisti;
• pratica musicale con la chitarra richiesta a tutti i corsisti;
• pratica di improvvisazione con la chitarra richiesta a tutti i corsisti;
• pratica musicale vocale esecutiva e improvvisazione ad una e più voci richiesta a tutti i corsisti;
• conoscenza dei differenti sistemi musicali e dell’armonia attraverso la pratica strumentale e vocale, richiesta a tutti i corsisti;
• pratica musicale esecutiva e improvvisazione con i flauti dolci soprano, contralto, tenore, basso, richiesta a tutti i corsiti;
• pratica musicale esecutiva e improvvisazione con gli strumenti a percussione seguendo i criteri della pedagogia musicale e delle conoscenze utili per intervenire con DSA e BES;
• formazione personale secondo i principi della PNL umanistica integrata;
• esperienze formative attraverso laboratori, utili per condurre i corsisti alla conoscenza dei processi percettivi che favoriscono gli apprendimenti,
• conoscenze degli aspetti significativi riguardante l’età evolutiva, trattati da specialisti;
• avvicinamento alle patologia psichiatriche attraverso specialisti;
• conoscenze della legislazione scolastica attraverso specialisti del UST;
• conoscenze, sempre attraverso specialisti, del mondo delle disabilità;

I corsisti ad ogni incontro esprimono le loro opinioni, emozioni, commenti, richieste… compilando un diario di bordo. Con il passare del tempo è possibile valutare come la “mappa del mondo” di ogni corsista ha creato posto per modi nuovi di apprezzare le attività artistiche, di apprezzare se stessi, di ascoltare e comunicare con gli altri. Suoni, Ritmi, Movimento sono gli strumenti di lavoro che, ad ogni incontro, si rivelano essere inesauribile fonte di risorse comunicative. I principi o fondamenti teorici sono costantemente confermati dalle attività artistiche che ogni corsista sta imparando a gestire in modo personale, motivato dalla presenza del gruppo. Questo aspetto è emerso in modo spontaneo durante gli esami svolti all’inizio del luglio 2017. Nuove idee saranno messe in atto per i prossimi esami.