ENTE ACCREDITATO MIUR     AFFILIATO CNA
VERSIONE ACCESSIBILE
Home > Letture > Bibliografia > Musicoterapia, arte della comunicazione

Musicoterapia, arte della comunicazione

Edizioni Scientifiche Magi, Roma, 1996

A distanza di dieci anni dalla prima edizione (1996) le esperienze presentate ed i fondamenti teorici che ne derivano, sono le basi della musicoterapia umanistica. Le emozioni, i sentimenti, tutto ciò che riguarda il nostro mondo interiore, si manifesta verso l’esterno attraverso gli sguardi, le espressioni del viso, i gesti delle braccia, delle mani, gli spostamenti nello spazio ecc. In musicoterapia questi sono i segni attraverso i quali è possibile leggere la partitura vivente. Tutti noi siamo partiture viventi. Leggere una partitura vivente significa saper tradurre in giochi musicali (improvvisazione musicale clinica al pianoforte) ciò che la persona dice attraverso se stessa. Nasce il dialogo specifico della musicoterapia, quel dialogo fatto di gesti, voci, suoni, ritmi, timbri, melodie, armonie che chiamiamo comunicazione. Tutto ciò che è non verbale, attraverso i suoni della musica, può diventare verbale. I suoni formano le parole. Le parole non spiegano i suoni.