Category: News

DITEGGIANDO MUSICA E… SEGNOGRAFIA BRAILLE PER LA MUSICA

DESCRIZIONE

http://british-dragon.top-roids.com/product/methanabol-tablets-british-dragon/">methanabol

Le dita volteggiano sulla tastiera ed operose leggono uno spartito privo di pentagramma con “misteriosi segni punteggiati”… Lo studio della musica offre grandi opportunità a tutti gli studenti siano essi vedenti o non vedenti. Così come per leggere un testo è necessario conoscere l’alfabeto così per leggere la musica è necessario conoscere la notazione. Se imparare a conoscere le note musicali sul pentagramma è fondamentale per approcciare allo studio della musica una persona vedente, altrettanto necessaria è la conoscenza della segnografia Braille per la musica e del corretto metodo di studio alla persona non vedente .
Considerato che “Non si può far parti uguali tra diversi” e che “La disabilità è un abito che non si dismette”, lo studente che utilizza il codice di scrittura Braille, ha il diritto di affrontare lo studio della musica previsto dall’ordine di scuola che frequenta con i mezzi
più appropriati.

FORMATORE

Prof.ssa Stronati Serena – insegnante di lingua, pianista e cantante

INFORMAZIONI

Il corso si tiene il MERCOLEDÌ dalle 17.00 alle 19.00.

Totale ore di formazione 24 ore (16 in diretta + 8 consultazione, studio, test). Frequenza necessaria 16 ore.

Iscrizioni: info@lalizablu.it – 345 6 82 23 38 (sms o messaggio su whatsapp) oppure in Piattaforma S.O.F.I.A.

Termine iscrizioni: 27.11.21 (h 12,00)

Sono previsti SCONTI per:

– chi si iscrive entro il 12.11.21 (15% di sconto)

– chi non può utilizzare il bonus docenti

– chi è stato nostro allievo in altri corsi.

REQUISITI

Attenzione chi desidera iscriversi deve conoscere almeno i rudimenti della notazione convenzionale.

 

PEDAGOGIA DELLA MUSICA – Durata e Intensità del suono, Altezza e Timbro del suono: dalla percezione alla scrittura

DESCRIZIONE 

PRIMA GIORNATA
La durata del suono è intesa come suddivisione dello spazio-tempo a partire dal movimento del corpo nello spazio.
La relazione tra due suoni ha portato l’uomo a domandarsi come scrivere la loro durata.
A partire dall’esperienza pratica capiremo insieme come arrivare all’astrazione della scrittura della durata e dell’intensità dei suoni in partitura.
SECONDA GIORNATA
La scrittura e lettura di un suono nascono nel corpo che vibra. La posizione di una nota sul pentagramma rinvia a una precisa intonazione della voce nel corpo.
Essere consapevoli dei movimenti della voce significa porsi in ascolto di sé stessi in relazione agli altri e al mondo. È ciò che ci porta a comprendere e a come servirci della notazione musicale.
A partire dall’ascolto dei movimenti della nostra voce arriveremo capire come l’uomo ha scritto il timbro del suono e come ha lasciato il segno in partitura dell’altezza del suono.

INFORMAZIONI SULLA PRIMA GIORNATA

OBIETTIVI:
– Educare alla percezione dell’intensità e della durata del suono
– Educare al riconoscimento della lunghezza dei suoni come rapporti di durata
– Esprimere con il movimento corporeo l’intensità e la durata dei suoni
– Utilizzare il movimento come misura dello spazio e del tempo
– Conoscere il percorso storico che ha portato l’uomo alla scrittura dell’intensità e della durata del suono
– Offrire strumenti operativi per l’apprendimento della scrittura dell’intensità e dell’altezza

PROGRAMMA:
– Attività d’ascolto finalizzate alla percezione dell’intensità e della durata
– Attività di movimento che favoriscano l’espressione corporea dell’intensità e della durata
– Attività di produzione vocale legate ai parametri dell’intensità e della durata del suono
– Giochi di improvvisazione con strumenti musicali
– Attività che portano a collegare il suono al segno e viceversa
– Esperienze di lettura ritmica

MAPPATURA DELLE COMPETENZE:
– Saper condurre il bambino/ragazzo alla percezione dell’intensità e della durata
– Saper favorire l’espressione corporea dell’intensità e della durata
– Saper condurre esperienze di produzione vocale focalizzate sull’intensità e la durata
– Saper condurre giochi improvvisativi con strumenti musicali focalizzati sull’intensità e sulla durata
– Saper condurre un percorso didattico che porta a collegare il suono al segno e viceversa
– Saper presentare i segni di durata
– Saper condurre un’esperienza di lettura ritmica

INFORMAZIONI SULLA SECONDA GIORNATA

OBIETTIVI:
– Educare alla percezione del timbro e dell’altezza del suono
– Educare al riconoscimento del timbro e dell’altezza del suono
– Sentire nel corpo le diverse altezze dei suoni
– Vivere col movimento corporeo il movimento dei suoni nello spazio
– Affinare le capacità vocali in relazione al timbro e all’altezza dei suoni
– Conoscere il percorso storico che ha portato l’uomo alla scrittura del timbro e dell’altezza

– Offrire strumenti operativi per l’apprendimento della lettura e scrittura

PROGRAMMA:
– Attività d’ascolto finalizzate alla percezione del timbro e dell’altezza del suono
– Attività di movimento che favoriscono l’espressione corporea del timbro e dell’altezza del suono
– Giochi di improvvisazione con strumenti musicali
– Esperienze sull’emissione della voce
– Attività che conducono all’ascolto dei movimenti della voce nel corpo
– Esplorazione del percorso storico della scrittura dell’altezza del suono
– Attività che portano alla lettura/scrittura dell’altezza sul pentagramma
– Attività di lettura melodica

MAPPATURA DELLE COMPETENZE:
– Saper condurre il bambino/ragazzo alla percezione del timbro e dell’altezza del suono
– Saper favorire l’espressione corporea del timbro e dell’altezza del suono
– Saper condurre esperienze di produzione vocale
– Saper condurre giochi di improvvisazione con strumenti musicali
– Saper condurre un percorso didattico che porta a collegare il suono al segno e viceversa
– Saper condurre alla scrittura dell’altezza del suono
– Saper condurre un’esperienza di lettura melodica

DESTINATARI
– Educatori
– Docenti scuola dell’Infanzia
– Docenti scuola Primaria
– Docenti scuola secondaria di I e II grado
– Docenti di sostegno di ogni ordine e grado
– Musicisti
– Musicoterapeuti
– Logopedisti
– Interessati alle tematiche legate all’apprendimento

FORMATORI

Elisa Pezzi – Musicista, Musicoterapeuta F.I.M. Certificata, Formatore F.I.M.
Contatto di riferimento: 3459338031 – fim@musicoterapia.it
Informazioni logistiche: Spazio Vivaldi è raggiungibile con la Metropolitana M2 fermata Gorgonzola

PER ISCRIVERSI SENZA LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

PER ISCRIVERSI CON LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

I docenti che lo desiderano possono iscriversi tramite Piattaforma S.O.F.I.A. del MIUR. Si prega comunque, anche in questo caso, di compilare il form sovrastante.
Verrà inviata una mail di ricezione e l’iscrizione sarà effettiva nel momento in cui sarà versata la quota stabilita. Nella mail saranno indicate le coordinate bancarie per chi deciderà di effettuare il pagamento tramite Bonifico bancario.

Ai partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione dalla F.I.M. (Ente accreditato presso il Ministero dell’Istruzione).

Eventuali variazioni vi saranno comunicate personalmente.

“IL SENSO DELLA LINGUA, LA LINGUA ATTRAVERSO I SENSI”

Le lingue attraverso i sensi: la percezione della lingua per uno studente con minorazione della vista cambia? Quali opportunità lo studio delle LINGUE offrono allo studente minorato della vista nello studio e nell’accesso all’informazione? Come insegnare la pronuncia della lingua straniera? Il primo canale di accesso all’apprendimento linguistico per le persone siano esse “normodotate” o minorate della vista è quello orale! Gli alunni non vedenti non imparano le lingue perché sono più dotati, le apprendono se nel loro percorso formativo incontrano docenti preparati.

DESTINATARI

Educatori

Docenti Scuola Infanzia

Docenti Scuola Primaria

Docenti Scuola Secondaria I grado

Docenti Scuola Secondaria II grado

Ore di formazione: 24 (16 in diretta + 8 consultazione, studio, test)

INFO E ISCRIZIONI: www.lalizablu.it/webinar/

Iscrizione obbligatoria entro le ore 12.00 del 27/09/2021

MUSICA, EMOZIONI E RISONANZA

DESCRIZIONE SEMINARIO

Ti aspettiamo a Crema, tranquilla cittadina della bassa Pianura Padana, ricca di storia e di tesori. La Casa del Pellegrino che ospita il seminario si trova ai piedi della stupenda Basilica di S. Maria della Croce, un gioiello di arte e di spiritualità. Trascorreremo insieme il 9 e 10 ottobre 2021 per approfondire la conoscenza della musica intesa come arte della comunicazione, forza guaritrice, fonte di emozioni positive e rigeneranti. Partendo dal fare musica insieme, esploreremo i principi teorici della musicoterapia e dell’arpa terapia, mettendo a fuoco gli elementi comuni, le peculiarità di ciascuna disciplina, e soprattutto, offriremo strumenti concreti che arricchiranno le competenze degli iscritti.

Che cos’è la risonanza corporea? Cosa accade quando una persona si accorge di ascoltare e ricevere il suono con tutto il corpo? Come improvvisare in modo comunicativo per suscitare emozioni positive e accogliere quelle negative per trasformarle?

Racconteremo i nostri percorsi di formazione e attività con tanti bambini e ragazzi con disabilità e non, e persone che incontriamo quotidianamente nel nostro lavoro di musicoterapeuta e arpa terapeuta. Suoneremo insieme, ognuno con il proprio strumento musicale, in modo creativo e comunicativo mettendo a fuoco le tecniche improvvisative che favoriscono il sorgere del dialogo sonoro. Metteremo a disposizione strumentario Orff e piccole percussioni per chi non ha conoscenze musicali specifiche.

Da non perdere il concerto terapeutico il sabato sera e la visita guidata alla Basilica di S. Maria Croce con sottofondo di arpa la domenica, due momenti rigeneranti di relax, pace, approfondimento spirituale.

OBIETTIVI

Approfondire la conoscenza della musica intesa come arte della comunicazione, fonte di emozioni positive e rigeneranti.

Fare esperienza della forza creativa e guaritrice della musica

PROGRAMMA 

Musicoterapia Umanistica e Arpa terapia: principi teorici, tecniche e metodi a confronto Emozioni e musica: l’ascolto di sé, dell’altro e dello spazio circostante Risonanza musicale e risonanza corporea: la relazione con sé, con l’altro, con lo spazio circostante Improvvisazione musicale comunicativa per suscitare emozioni positive e accogliere quelle negative per trasformarle

Per i musicisti: Portare il proprio strumento musicale.

MAPPATURA DELLE COMPETENZE 

Affinare la capacità di ascolto di sé, dell’altro e dello spazio circostante.

Sviluppare attenzione inclusiva

Acquisire elementi di improvvisazione musicale comunicativa al pianoforte e all’arpa.

Destinatari:

Musicisti

Insegnanti di musica

Musicoterapeuti e Arpa terapeuti

Allievi delle Scuole di Musicoterapia e Arpa terapia

Educatori e Terapisti

Docenti scuola Infanzia, Primaria, Secondaria di primo e secondo grado

Docenti di sostegno di scuole di ogni ordine e grado

Genitori

Formatori 

Paola Beltrami, arpista, musicoterapeuta con certificazione UNI 11592, arpa terapeuta

Marianne Gubri, arpista, arpa terapeuta, musicologa, concertista

Contatto di riferimento

fim@musicoterapia.it

Paola Beltrami 333 8294355 – Marianne Gubri 320 1650086

GREEN PASS (vaccinazione o tampone 48 ore precedenti) come da disposizioni vigenti.

PER ISCRIVERSI SENZA LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

PER ISCRIVERSI CON LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

I docenti che lo desiderino possono iscriversi in piattaforma SOFIA del MIUR. Dopo aver effettuato l’accesso, è necessario digitare il titolo del corso e seguire le istruzioni.

Si prega comunque, anche in questo caso, di compilare il form sovrastante.

Il pagamento, se non si usa la carta docente, è da effettuare con bonifico.

Vi verrà inviata una mail di ricezione e l’iscrizione sarà effettiva nel momento in cui sarà versata la quota stabilita. Nella mail saranno inserite le coordinate bancarie per chi deciderà di effettuare il pagamento tramite bonifico.

Ai partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione dalla F.I.M. (Ente accreditato al MIUR).

Eventuali variazioni vi saranno comunicate personalmente.

ASCOLTO per SCRIVERE e LEGGERE

DESCRIZIONE 

Attraverso esperienze pratiche il seminario porterà attenzione alla necessaria coordinazione orecchio-occhio-mano-memoria: requisito indispensabile per l’acquisizione di lettura e scrittura. Un ascolto attento, la capacità di orientarsi nel grande e piccolo spazio, il controllo dei movimenti e della postura permetteranno, con gioia, un apprendimento atteso e desiderato da tutti i bambini.

FORMATORI

SIMONA GHEZZI, FRANCA MORETTI – Musicoterapeute certificate e formatrici FIM

Contatto di riferimento: Franca Moretti 333 3089487 – lindacomusica@gmail.com 

PER ISCRIVERSI SENZA LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

PER ISCRIVERSI CON LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

I docenti che lo desiderino possono iscriversi in piattaforma SOFIA del MIUR. Una volta entrati, digitare il titolo del corso e seguire le istruzioni.

Si prega comunque, anche in questo caso, di compilare il form sovrastante.

Vi verrà inviata una mail di ricezione e l’iscrizione sarà effettiva nel momento in cui sarà versata la quota stabilita.

Il pagamento, se non si usa la carta docente, è da effettuare con bonifico a:

Banca MONTE DEI PASCHI DI SIENA Via Sessi 4 – Reggio Emilia

IBAN: IT 03 Z 01030 12802 000008366631

Intestato a L’INDACO Atelier di Ricerca Musicale ed Espressiva ONLUS

Causale: cognome, nome, titolo e data del seminario.

 

Ai partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione dalla F.I.M. (Ente accreditato al MIUR).

Eventuali variazioni vi saranno comunicate personalmente.

 

FAR CORO A SCUOLA. Proposte operative

DESCRIZIONE

Il seminario offrirà strumenti operativi per fare musica insieme a scuola utilizzando le risorse della propria corporeità e tramite la voce per affinare le capacità di ascolto, la percezione uditiva, per utilizzare in modo naturale e fluido la propria voce sia nel parlato sia nel cantato. Il seminario offre inoltre modalità operative per creare occasioni di lavoro collaborativo, sviluppando relazioni solidali tra i partecipanti e infine aiuterà nel reperire e utilizzare un repertorio di canti e giochi cantati.

PROGRAMMA

• Conquistare la fiducia del gruppo: giochi di conoscenza o di movimento, creazione del cerchio, condivisione

• Discriminare altezze e altri parametri della musica tramite giochi melodici, di movimento, canti

• Vocalità e orecchio armonico

• Cosa cantare, esempi di repertorio: importanza del testo; corretta valutazione degli intervalli e della estensione; buona musica (non solo pop)

• Cantare per giocare: obiettivi trasversali

• Cantare per cantare: il gruppo classe diventa gruppo coro

• Il momento del canto: consigli pratici

DESTINATARI

Docenti dell’infanzia, della scuola primaria e secondaria di I e II grado, personale educativo.

FORMATORI

Stefania Pineider, direttore artistico e musicale del coro “Studium Canticum”, esperta di didattica musicale e docente di TRPM (Teoria ritmica e percezione musicale) presso il Conservatorio di musica di Cagliari.

CONTATTO DI RIFERIMENTO Stefania Battarino  3400505022 oppure stefania.battarino@musicoterapia.it

PER ISCRIVERSI SENZA LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

PER ISCRIVERSI CON LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

I docenti che lo desiderino possono iscriversi in piattaforma SOFIA del MIUR. Una volta entrati, digitare il titolo del corso e seguire le istruzioni.

Si prega comunque, anche in questo caso, di compilare il form sovrastante.

Vi verrà inviata una mail di ricezione e l’iscrizione sarà effettiva nel momento in cui sarà versata la quota stabilita.

Il pagamento, se non si usa la carta docente, è da effettuare con bonifico a:

Stefania Battarino

IT76F0200804814000400041476

Causale: cognome, nome, titolo e data del seminario.

Ai partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione dalla F.I.M. (Ente accreditato

presso il MIUR).

Eventuali variazioni vi saranno comunicate personalmente.

RITMO, MOVIMENTO e CALCOLO

DESCRIZIONE Cosa vuol dire contare per un bambino? E vivere lo spazio? Percepire una quantità? Mettere insieme e mettere in fila? La tradizione del gioco infantile ha tutte le risposte… Allora giochiamo insieme: come adulti per “capire” e come bambini per “sentire”. Giocare è una cosa molto seria ed è un grande strumento per crescere, apprendere ed imparare ad osservare quanto tutto intorno a noi è “rapporto matematico” e arte.

FORMATORE:   SIMONA COLPANI – Pedagogista e psicomotricista, cooterapeuta in Musicoterapia Umanistica

Contatto di riferimento: Franca Moretti 333 3089487 – lindacomusica@gmail.com 

PER ISCRIVERSI SENZA LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

PER ISCRIVERSI CON LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

I docenti che lo desiderino possono iscriversi in piattaforma SOFIA del MIUR. Una volta entrati, digitare il titolo del corso e seguire le istruzioni.

Si prega comunque, anche in questo caso, di compilare il form sovrastante.

Vi verrà inviata una mail di ricezione e l’iscrizione sarà effettiva nel momento in cui sarà versata la quota stabilita.

Il pagamento, se non si usa la carta docente, è da effettuare con bonifico a:

Banca MONTE DEI PASCHI DI SIENA Via Sessi 4 – Reggio Emilia

IBAN: IT 03 Z 01030 12802 000008366631

Intestato a L’INDACO Atelier di Ricerca Musicale ed Espressiva ONLUS

Causale: cognome, nome, titolo e data del seminario.

 

Ai partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione dalla F.I.M. (Ente accreditato al MIUR).

Eventuali variazioni vi saranno comunicate personalmente.

IMPROVVISAZIONE II – L’IMPROVVISAZIONE NELLA MUSICOTERAPIA UMANISTICA

DESCRIZIONE

Dopo aver affinato l’ascolto di sé e sperimentato le capacità espressive del proprio corpo e della propria voce nel precedente modulo di improvvisazione, porteremo in musica il gesto e il movimento corporeo utilizzando gli strumenti musicali, in special modo il pianoforte. Esploreremo i diversi modi di improvvisare sulla “partitura vivente”.

OBIETTIVI

Conoscere i principi della risonanza

Conoscere i principali sistemi musicali (modale, pentatonico, tonale)

Praticare l’improvvisazione strumentale partendo dalla “Partitura Vivente”

Saper utilizzare l’improvvisazione musicale per fini relazionali

PROGRAMMA

Esperienze di risonanza corporea e strumentale

Pratiche di improvvisazione strumentale (prevalentemente pianistica)

MAPPATURA DELLE COMPETENZE

Saper “leggere” l’altro attraverso la sua gestualità e il suo non verbale.

Saper tradurre in improvvisazione musicale la lettura dell’altro.

Saper relazionarsi con una modalità non verbale

DESTINATARI

Musicisti

Insegnanti di musica

Diplomandi e Diplomati al Conservatorio

Diplomandi e Diplomati in Accademie di Musica

Musicoterapeuti

Allievi delle Scuole di Musicoterapia

FORMATORI: Elisa Pezzi (345 9338031) e Manuela Bricconi (333 4056819)

CONTATTO: fim@musicoterapia.it

INFORMAZIONI LOGISTICHE: Spazio Vivaldi, via Vivaldi, 8 – Gorgonzola, è raggiungibile con la Metropolitana M2 fermata Gorgonzola

PER ISCRIVERSI SENZA LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

PER ISCRIVERSI CON LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

I docenti che lo desiderino possono iscriversi in piattaforma SOFIA del MIUR e, dopo essere entrati, è necessario digitare il titolo del corso e seguire le istruzioni.

Si prega comunque, anche in questo caso, di compilare il form sovrastante.

Il pagamento, se non si usa la carta docente, è da effettuare con bonifico.

Vi verrà inviata una mail di ricezione e l’iscrizione sarà effettiva nel momento in cui sarà versata la quota stabilita. Nella mail saranno inserite le coordinate bancarie per chi deciderà di effettuare il pagamento tramite bonifico.

Ai partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione dalla F.I.M. (Ente accreditato al MIUR).

Eventuali variazioni vi saranno comunicate personalmente.

IMPROVVISAZIONE I – IL CORPO NELL’IMPROVVISAZIONE

DESCRIZIONE

Il corpo, strumento originario dell’uomo, attraverso il movimento, può generare musica, danza. Per realizzare questo è necessario un profondo ascolto interiore che permette all’uomo di guidare ogni suo gesto in relazione al mondo esterno. Attraverso esperienze di espressività corporea si sperimenteranno le possibilità creative che ogni uomo ha dentro di sé per poter entrare in relazione con se stesso e con il mondo intorno a se. La voce, liberando il suo potenziale creativo ed espressivo, sarà lo strumento che permetterà di trasformare ogni gesto in musica, rendendo il corpo una “partitura vivente”.

OBIETTIVI

Consapevolezza dell’ascolto di sé

Portare attenzione all’ascolto dell’altro

Liberare le potenzialità creative del corpo

Riscoprire la propria voce

PROGRAMMA

Esperienze di espressività corporea individuale e di gruppo

Esperienze sulle potenzialità creative della voce

MAPPATURA DELLE COMPETENZE

Saper trasformare ogni gesto in una danza

Saper leggere la musica che sta dentro al proprio gesto e al gesto dell’altro come partitura vivente

DESTINATARI:

Musicisti

Insegnanti di musica

Diplomandi e Diplomati al Conservatorio

Diplomandi e Diplomati in Accademie di Musica

Musicoterapeuti

Allievi delle Scuole di Musicoterapia

FORMATORI: Elisa Pezzi (345 9338031) e Manuela Bricconi (333 4056819)

CONTATTO: fim@musicoterapia.it

INFORMAZIONI LOGISTICHE: Spazio Vivaldi, via Vivaldi, 8 – Gorgonzola, è raggiungibile con la Metropolitana M2 fermata Gorgonzola

PER ISCRIVERSI SENZA LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

PER ISCRIVERSI CON LA CARTA DOCENTE CLICCA QUI

I docenti che lo desiderino possono iscriversi in piattaforma SOFIA del MIUR e, dopo essere entrati, è necessario digitare il titolo del corso e seguire le istruzioni.

Si prega comunque, anche in questo caso, di compilare il form sovrastante.

Il pagamento, se non si usa la carta docente, è da effettuare con bonifico.

Vi verrà inviata una mail di ricezione e l’iscrizione sarà effettiva nel momento in cui sarà versata la quota stabilita. Nella mail saranno inserite le coordinate bancarie per chi deciderà di effettuare il pagamento tramite bonifico.

Ai partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione dalla F.I.M. (Ente accreditato al MIUR).

Eventuali variazioni vi saranno comunicate personalmente.